CARITAS DIOCESANA VICENTINA

Come contribuire

Liberalita' in denaro
ai servizi segno di Caritas Diocesana Vicentina
 
 
>>>Il volantino (pdf 2mb)
 
 
 
Attenzione:
Per consentire all'Associazione Diakonia Onlus di comunicare la donazione ricevuta all'Agenzia delle Entrate (adempimento previsto per le dichiarazioni fiscali precompilate), chiediamo di fornire i seguenti dati fiscali: cognome, nome, codice fiscale e indirizzo del donatore

 
 
A Fondazione Caritas Vicenza:
  • bonifico bancario sul c/c IBAN  IT41A 05018 11800 0000 1217 3258 intestato a Fondazione Caritas Vicenza Banca Popolare Etica – filiale di Vicenza
  • a mezzo assegno bancario o circolare
Deducibilità fiscale per il reddito d’impresa

Le offerte a Fondazione Caritas Vicenza, fatte con le modalità sopra indicate e quindi tracciabili, sono deducibili fino al 2% del reddito di impresa dichiarato (art. 100, comma 2, lett. a) del Testo Unico delle imposte sui redditi D.P.R. 22/12/1986 n. 917). Quindi non sono deducibili né detraibili per i cittadini non imprenditori.

 
 
All’Associazione Diakonia onlus, braccio operativo della Caritas Diocesana Vicentina: 
  • a mezzo assegno bancario o circolare
  • versamento sul c/c postale n. 29146784
  • bonifico bancario sul c/c IT40D 05018 11800 0000 1107 9332 intestato a Associazione Diakonia Onlus presso Banca Popolare Etica - filiale di Vicenza.
  • Deducibilità o detraibilità fiscale

    fino al 31/12/2017:

    a) Se il donatore è una persona fisica, può scegliere fra due alternative:

    • detrazione d’imposta pari al 26% della somma donata e fino ad un importo massimo di 30.000,00€ annui (Articolo 15, comma 1.1 del Testo Unico delle imposte sui redditi  D.P.R. 22/12/1986 n. 917).
    • deduzione "nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato e comunque nella misura massima di 70.000 euro annui” (art. 14 L.80/05).

    b) Se il donatore è un'impresa, può scegliere fra due alternative:

    • la deduzione nei limiti di € 30.000,00 o del 2% del reddito d’impresa dichiarato (art. 100, comma 2, lettera h) del Testo Unico imposte sui redditi);
    • la deduzione "nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato e comunque nella misura massima di 70.000 euro annui” (art. 14 L.80/05).

    Dallo 01/01/2018 :  NOVITA'

     


    Detrazione IRPEF (art. 83, 1 c. D.Lgs 117/2017 - CTS) – decorrenza dal 01/01/2018 ex art. 104, c.1 D.Lgs 117/2017 - CTS

    Dall’imposta lorda sul reddito delle persone fisiche si detrae un importo pari al 30 per cento degli oneri sostenuti dal contribuente per le erogazioni in denaro o in natura per un importo complessivo in ciascun periodo d’imposta non superiore a 30.000 euro.

    La detrazione è consentita, per le erogazioni liberali in denaro, a condizione che il versamento dia eseguito tramite banche o uffici postali ovvero mediante altri sistemi di pagamento previsti dall’articolo 23 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.

     

    Deducibilità (art. 83, 2 c. D.Lgs 117/2017 - CTS) – decorrenza dal 01/01/2018 ex art. 104, c.1 D.Lgs 117/2017 - CTS

    Le liberalità da parte di persone fisiche, enti e società sono deducibili dal reddito nel limite del 10 per cento del reddito complessivo dichiarato. Qualora la deduzione sia di ammontare superiore al reddito complessivo dichiarato, diminuito di tutte le deduzioni, l’eccedenza può essere computata in aumento dell’importo deducibile dal reddito complessivo dei periodi di imposta successivi, ma non oltre il quarto

     

     

     

    5x1000
    È possibile contribuire anche destinandoil 5x1000 Irpef all’Associazione Diakonia onlus compilando il modulo 730, il CUD oppure il Modello Unico, firmando nel riquadro "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale...", indicando il codice fiscale di Diakonia: 95049930241
     
    Bomboniere solidali
    Matrimoni, Prime Comunioni, nascite, lauree e altre ricorrenze possono essere un’occasione di solidarietà con persone vicine e lontane che hanno bisogno di aiuto: famiglie senza reddito per mancanza di lavoro, persone fragili nel sud del mondo, popolazioni vittime di catastrofi naturali e guerre, progetti in favore di persone con disabilità, detenuti, mamme sole con bambini. Il tuo gesto di solidarietà potrà così "contagiare” i tuoi familiari ed amici: tu mettici l’intenzione, noi ti forniamo i supporti grafici per comunicare la tua scelta.
     
    Donazioni di beni immobili
    La Fondazione Caritas Vicenza è un ente ecclesiastico, riconosciuto nel 2014 dal Ministero dell’Interno e costituito per garantire: il rispetto, negli anni, della volontà del donatore; il controllo del patrimonio e della sua gestione da parte del Vescovo, essendo Caritas giuridicamente "Diocesi”; il regime di fiscalità più agevolato possibile, vista la mission complessiva no profit; una gestione snella, diretta e il più possibile funzionale alle finalità Caritas; la possibilità di svolgere attività commerciale nel rispetto delle finalità pedagogiche della Caritas (spesso l’inserimento lavorativo di persone in difficoltà richiede un intervento diretto della Caritas-Diakonia in attività anche commerciali - come la sartoria per le donne, la ciclofficina e altre attività - che possono essere svolte in modo molto limitato dalle onlus). Quanti intendono donare o lasciare per testamento beni immobili alla Caritas Diocesana Vicentina posso farlo attraverso la:
     
    Fondazione Caritas Vicenza - c.f. 95124940248 - Contra' Torretti, 38 - 36100 Vicenza
    Telefono 0444 304986 - Fax 0444 304990
     
     


    © 2012 Caritas Diocesana Vicentina c.f. 95002320240, in collaborazione con www.peresempio.it

    ATTENZIONE I dati personali che compaiono nel sito NON possono essere utilizzati per scopi diversi dalle finalita' Caritas E' peraltro assolutamente escluso l'utilizzo di indirizzi mail per scopi di marketing e/o commerciali senza il consenso dell'interessato come ribadito nel provvedimento del Garante del 20/04/2006 Si diffida quindi chiunque dall'uso improprio dei suddetti dati

    Tutti gli articoli e i testi pubblicati all'interno di questo sito possono essere liberamente riprodotti, in tutto o in parte, a condizione che l'utilizzazione avvenga per finalità di uso personale, di studio, di ricerca o comunque per finalità non commerciali e che sia indicata, con adeguata visibilità, la fonte. In nessun caso è consentito alterare il testo originale e/o utilizzare le immagini presenti nel sito.