570470507213052 Scarp de' Tenis, il numero di luglio - Caritas Vicenza

Blog

Scarp de’ Tenis, il numero di luglio

Scarp de’ Tenis, il numero di luglio

Il numero di luglio del mensile della strada Scarp de’ Tenis propone anche una storia proveniente da Vicenza. È quella di Azize, in Italia da molti anni, ma che ha sempre nel cuore gli “ultimi” del suo paese, il Burkina Faso, dove fonda associazioni, scuole, cooperative per il lavoro delle donne e perfino una cittadina europea per chi decide di tornare “a casa”.

In copertina. Trent’anni fa i primi sbarchi sulle coste italiane dei migranti albanesi. Il racconto della storia di alcuni di loro. Proprio come quella di don Bledar oggi parroco a Firenze.

Letture estive. Un giallo con due detective “senza tetto”.

25 anni fa… nasceva Scarp de’ Tenis. Nell’ammezzato di via san Bernardino 4, sede della Caritas Ambrosiana, Paolo Lambruschi, il direttore, ha appena terminato il suo editoriale: “Ci sono due obiettivi dietro a questa sfida: dare lavoro a chi non ha la possibilità di averlo; dare spazio alla cultura di strada”.

Il progetto sociale. Cercare e sostenere i venditori di Scarp de’ Tenis significa investire in autonomia e liberare dall’assistenzialismo. L’obiettivo del giornale è far lavorare le persone senza tetto o in gravi difficoltà per non farli dipendere dalla carità. Per questo le redazioni sparse per l’Italia s’impegnano a realizzare un prodotto di qualità, ricco di storie e d’informazioni. Il giornale costa 3,50 euro, di cui 1 euro resta netto nelle tasche del venditore che ha un regolare contratto con la coop Oltre di Milano.

La redazione di Vicenza. Se qualcuno fosse interessato a conoscerci può contattarci via mail a scarp@caritas.vicenza.it oppure chiamando in segreteria Caritas dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 al n. 0444-304986.

I 160 anni dell’Osservatore Romano e il contributo di Scarp de’ Tenis. Il direttore di Scarp de’ Tenis, Stefano Lampertico, è tra le firme degli inserti speciali dell’Osservatore Romano in uscita dall’1 al 5 luglio per festeggiare i 160 anni del quotidiano della Città del Vaticano.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *